Sky: nuovo decoder Sky Q Platinum in distribuzione ai clienti

Sky ha avviato lo scorso luglio la distribuzione di un nuovo modello di decoder Sky Q Platinum che dovrebbe sostituire l’attuale dispositivo presente sul mercato fin dal lancio della piattaforma datata novembre 2017.

Il nuovo Sky Q Platinum si differenzia esteticamente dal modello esistente per il sottoscocca di colore nero anziché cromato. Il resto dell’aspetto rimane invece identico, mentre sono parecchie le novità a livello hardware.

Sul nuovo Sky Q Platinum un hard disk da 1 TB e l’alimentatore interno

Conosciuto internamente a Sky come Sky Q Platinum QT, il nuovo box è dotato di un hard disk da 1 TB, quindi la metà rispetto al disco da 2 TB presente sul precedente modello.

Altra novità è poi la scelta di integrare un alimentatore interno al posto di quello esterno, abbastanza ingombrante, scelto da Sky per il Platinum di prima generazione.

In questo modo si dovrebbe semplificare l’installazione del dispositivo anche negli spazi più ristretti, ma va detto che in caso di problemi con l’alimentatore sarà necessario sostituire il decoder, per cui il cliente andrebbe a perdere le eventuali registrazioni presenti sul disco.

Supporto confermato al 4K HDR, da valutare la piena compatibilità con Netflix

Sul nuovo modello sono confermati comunque i 12 sintonizzatori satellitari e i 4 sintonizzatori per il digitale terrestre, così come ci sarà il supporto al servizio multiscreen che consente al Platinum di inviare il segnale agli Sky Q Mini e ai dispositivi mobili su cui è installata l’app Sky Go.

Il nuovo Sky Q Platinum garantisce il supporto al 4K HDR HLG, ma non è chiaro se sia stata implementata anche la conformità agli standard HDR10+ e Dolby Vision che consentirebbero al dispositivo di essere compatibile con i servizi in streaming come Netflix, Disney+ e Amazon Prime Video.

Gli attuali decoder Sky Q Platinum e Black, pur avendo a bordo l’app di Netflix, non consentono infatti la visione dei contenuti in HDR e si limitano allo streaming in 4K SDR, cioè alla risoluzione di 3840×2160 pixel ma in gamma dinamica standard.

Il nuovo Sky Q Platinum: decoder aggiornato e verosimilmente “potenziato”

La scheda tecnica del nuovo decoder Sky si completa infine con il comparto Wi-Fi che prevede la presenza di 2×2 antenne per la banda 2,4 GHz e 4×4 per quella a 5 GHz, mentre non è più presente la compatibilità con le funzionalità touch del telecomando Sky.

Le altre specifiche rimangono sconosciute. È ragionevole però ipotizzare che Sky abbia dotato il suo ricevitore di un processore più potente e di una maggiore quantità di RAM, così da rendere più fluida la navigazione tra i menu e garantire una visione senza scatti o altri problemi sia dei contenuti satellitari, sia di quelli disponibili in streaming.

Al momento disponibile per nuovi clienti o per chi arriva dal My Sky

Alcune indiscrezioni affermano che il nuovo Sky Q Platinum sarebbe riservato al momento ai clienti che decidono di attivare un nuovo abbonamento o di migrare dal My Sky alla piattaforma Sky Q.

Non essendoci comunque informazioni ufficiali, non si sa nulla nemmeno riguardo agli eventuali costi di upgrade per coloro i quali sono già in possesso dello Sky Q Platinum di prima generazione e volessero passare al nuovo modello.