PlayStation 5 e Xbox Series X: scorte ridotte fino al 2023, secondo Toshiba

A quasi un anno di distanza dal debutto sul mercato di PlayStation 5 e Xbox Series X, i videogiocatori fanno ancora fatica a trovare sul mercato una delle due console ammiraglie di Sony e Microsoft. La situazione, com’è noto, è causata dall’ormai famosa crisi di approvvigionamento di alcune componenti di questi apparecchi che ne limita la loro produzione in serie e a differenza di quanto si pensasse lo scorso anno, quando si credeva che la penuria di scorte dovesse durare pochi mesi, la crisi dei semiconduttori continua a limitare ancora oggi la disponibilità dei dispositivi nei negozi, rendendo assai difficoltoso l’acquisto di uno di questi prodotti da parte dei clienti interessati.

La scarsità di PlayStation 5 e Xbox Series X potrebbe durare fino al 2023

Una conferma che la mancanza di componenti durerà ancora parecchio tempo è stata, ultima in ordine di tempo, Toshiba per voce del direttore all’approvvigionamento dei semiconduttori, Takeshi Kamebuchi. Il dirigente ha spiegato infatti che la crisi della produzione causata dalla pandemia durerà almeno fino a settembre 2022, continuando perciò a rallentare la diffusione di console, schede video per PC e altri componenti elettronici fino al 2023.

Le cose non sembrano quindi destinate a cambiare a breve e questo, in vista del prossimo periodo estivo di fine anno, significa che sarà difficile ancora per un bel po’ riuscire ad accaparrarsi una nuova PlayStation 5 o una Xbox Series X.

Le poche scorte che Sony e Microsoft riescono ad immettere sul mercato vanno puntualmente esaurite nel giro di pochi minuti dalla loro messa in vendita online lasciando gran parte della domanda inevasa, con i potenziali clienti costretti ad attendere in maniera indefinita per passare alla nuova generazione di console.

PlayStation 5 Xbox Series X scarseggiano e i bagarini fanno festa

Questa situazione ha alimentato nei mesi scorsi un mercato parallelo che vede i bagarini pronti ad acquistare buona parte delle esigue scorte commercializzate per poi rivenderle ad un prezzo maggiorato, talvolta capace di arrivare perfino al doppio o al triplo dei normali listini di PlayStation 5 e Xbox Series X.